Human Experience Design nel Fashion: Amazon Echo Look e la Social Experience

Lo scenario digital ha ridefinito gli equilibri del mercato e sta modificando il concetto stesso di business, oggi chiamato ad accogliere e interpretare i bisogni e le esigenze dei suoi primi destinatari: le persone. Lo Human Experience Design è la chiave di lettura strategica, che rende tangibile e concreto questo approccio. Parola di Connexia

di Letizia Giottoli, Chief Operating Officer di Connexia
02 marzo 2018
Human_Experience_Digital_Value_3

Il dramma del risveglio si compie ogni mattina davanti al nostro guardaroba.

Si presenta puntuale, immancabile, con la stessa identica domanda: “E oggi, che cosa mi metto?”.

Un interrogativo dai risvolti “traumatico-esistenziali” – specie per il target 15-30 – che, per essere risolto, deve prendere in considerazione una serie infinita di variabili: ultime tendenze del Fashion, temperatura esterna, occasione di utilizzo, età, mood personale, e avanti così, all’infinito. E, come se non bastasse, a questi bisogni si aggiunge la necessità di un parere esterno, “amicale – sentimentale”, sempre più condiviso grazie alle opportunità offerte dal mondo digital.

Viene spontaneo porsi allora una domanda: “Come si trasforma il vasto e articolato mondo del Fashion ai tempi dello Human Experience Design?”.

La prima novità riguarda i canali scelti dagli utenti. Stanco degli interminabili pomeriggi all’insegna dello shopping, un numero sempre maggiore di mobile surfer preferisce utilizzare lo smartphone per informarsi sui prodotti o per effettuare un acquisto. Una trasformazione radicale del comportamento di acquisto, che interessa tutte le tipologie di spesa online, non soltanto quelle legate al mondo della moda.

Secondo l’Osservatorio Mobile B2c Strategy (Edizione 2017/2018), infatti, tre mobile surfer su quattro usano lo smartphone lungo tutto il percorso d’acquisto e, in particolare, il 42% lo utilizza anche per portare a termine il processo.

Un dato significativo, che conferma la fiducia crescente delle persone nei confronti dei nuovi strumenti tecnologici, senza per questo sminuire l’intimo bisogno di ciascuno di ricevere il feedback altrui, elemento percepito come necessario per essere “davvero” convinti di un acquisto.

Già nel IV secolo a.C. Aristotele descriveva gli esseri umani come animali sociali per eccellenza, sottolineando l’importanza di un elemento fondante della nostra umanità: il bisogno intimo di ciascuno di noi di condividere le proprie esperienze, ricevere riscontri positivi e approvazione dal confronto con l’altro. Oggi il bisogno di scambio e condivisione resta immutato, anzi, diventa sempre più diffuso e si inserisce perfettamente nell’ecosistema della Social Experience e dello scambio sociale.

In questo processo, i veri game changer sono le tecnologie, nuove abilitatrici di desideri e necessità, che, attraverso mezzi diversi, hanno il potere di intervenire e trasformare le dinamiche sociali e i modelli di acquisto tradizionalmente connessi al mondo del Fashion.

Facciamo qualche esempio.

Un primo case study che vale la pena condividere, mix perfetto tra Social Experience e tecnologia, è Echo Look, prodotto Amazon disponibile per il momento solo negli Stati Uniti.

Grazie alla sua integrazione con l’assistente virtuale Alexa, Echo Look consente di scattare fotografie da diverse angolazioni e dar vita a un vasto stock di look e abbinamenti. Una volta immagazzinato, ogni dato è messo a confronto con milioni di altri outfit presenti nel database, utilizzando come metro di comparazione algoritmi basati sui principali trend del momento. Tra le altre funzionalità, la app Style Check, in grado di accostare due abiti differenti producendo una percentuale di “gradimento”, e la feature Inspired Your Look, ideale per scovare nuovi brand online ed effettuare acquisti direttamente su Amazon.

Altro esempio rappresentativo è 21Buttons, che si presenta come il primo social network dedicato ai “fashionisti”, e grazie al quale gli appassionati di moda possono ricercare tutto ciò che hanno sempre desiderato. Nato nel 2015 in Spagna da un’idea del CEO Marc Soler Obradors, la app 21Buttons è un esempio efficace per descrivere come lo Human Experience Design possa amplificare il bisogno sociale di condivisione e scambio che scaturisce dal mondo della moda.

Il funzionamento della app è molto semplice: una volta registrati, è possibile visitare le pagine degli altri utenti, per ispirarsi ai loro outfit e scoprire dove hanno acquistato i capi che indossano nelle foto postate. Su ogni immagine sono infatti presenti piccoli “smart button”, che reindirizzano immediatamente gli interessati verso gli ecommerce dei brand coinvolti.

Oltre a soddisfare il proprio desiderio di condivisione, l’app restituisce un elemento in più: ogni volta che una persona effettua un acquisto attraverso il button legato a uno dei “pezzi” del proprio outifit, si concretizza un guadagno, che si traduce nella restituzione di una piccola percentuale sulla vendita del prodotto.

Dalle suggestion, tanto influenti quanto popolari all’interno dei social network, alla finalizzazione dell’acquisto, il meccanismo di 21Buttons non fa altro che “disegnare” virtualmente il più tradizionale modello di passaparola offline.

Desiderio di condivisione, ricerca di stimoli e voglia di confronto: le tecnologie diventano l’abilitatore dei bisogni umani trasformando la Human Experience in Social Experience. Antiche necessità sostenute e soddisfatte da nuovi strumenti, in una parola, digital trasformation.

Engage nella tua e-mail. Gratis, ogni giorno

Engage La Prima
La nostra newsletter quotidiana, contenente le 10 notizie più impattanti della giornata, per rimanere sempre aggiornato sui trend del mercato.

Engage Mag
Il nostro magazine periodico, con focus e speciali di approfondimento, distribuito anche in forma cartacea ai principali eventi di settore.

Partner Messages
Messaggi periodici dai nostri partner. Se acconsenti alla ricezione di queste email, aiuterai Engage a mantenere i suoi canali fruibili gratuitamente, e, oltretutto, potresti trovare inviti e informazioni utili alla tua azienda.