Giovani e Facebook: informati (ma non troppo) su privacy e verifica dei contenuti

Questo quanto emerge da un’indagine condotta da Skuola.net e Osservatorio Nazionale Adolescenza per Facebook Italia e realizzata nell’ambito di Social School, una campagna di educazione per l’utilizzo degli strumenti di protezione e sicurezza su Facebook

di engage
19 aprile 2017
engage600x500-Skuola-net

Hai letto gli Standard della Comunità di Facebook? Sai chi può vedere i contenuti che pubblichi sul tuo profilo? Conosci le procedure di segnalazione e di blocco? Queste alcune delle domande rivolte a 3130 studenti di scuole medie, superiori e università nell’indagine nell’ambito di una ricerca commissionata da Facebook e condotta da Skuola.net e Osservatorio Nazionale Adolescenza. L’attività rientra nel progetto Social School, promosso da Facebook Italia e Skuola.net con il supporto scientifico dell’Osservatorio Nazionale Adolescenza. Il progetto si inserisce tra le iniziative promosse da “Generazioni Connesse”, il Safer Internet Centre italiano coordinato dal Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca, Direzione Generale per lo Studente, l’integrazione e la Partecipazione.

A partire da questi dati verrà realizzata da Skuola.net – la più grande scuola virtuale italiana – una campagna informativa su Facebook mirata proprio a colmare queste lacune, usando anche nuovi linguaggi come video, quiz interattivi, meme e gif per la cui realizzazione saranno coinvolti i ragazzi della redazione IoStudio, progetto promosso dal MIUR. La campagna sarà promossa e realizzata sul sito di Skuola.net e su Facebook, grazie al sostegno della piattaforma. L’obiettivo è proprio quello di comunicare agli adolescenti, attraverso gli strumenti che utilizzano quotidianamente, quali sono i pericoli legati ad una scarsa conoscenza delle impostazioni di privacy su Facebook e di aiutarli a comprendere i benefici dei tool che la piattaforma mette a disposizione per salvaguardare la loro vita online.

Dalla survey sono emerse alcune mancanze di rispetto ad un utilizzo consapevole del social network: il 41% dei ragazzi intervistati ha affermato infatti di non aver mai letto gli Standard della Comunità di Facebook e il 42% non sa cosa sia il Centro per la Sicurezza di Facebook.

I dati più significativi riguardano il livello di sicurezza associato al proprio profilo: il 16% degli intervistati ha infatti dichiarato di avere un profilo pubblico. Ciò significa che 1 ragazzo su 6 apre volutamente le porte del proprio account a chiunque, nonostante sia possibile preservare i propri dati personali (data di nascita, indirizzo email, numero di telefono) sulla piattaforma e controllare come appare il proprio profilo agli altri utenti. A questo proposito, il 21% del campione analizzato non ha mai controllato chi può vedere i dati personali associati al proprio profilo e il 37% sostiene di non essere interessato ad effettuare questa verifica.

I dati dimostrano inoltre che il 59% degli adolescenti pubblica i propri post rendendoli visibili a tutti gli amici, mentre il 19% lascia i suoi post pubblici consentendone la visione all’intero popolo della Rete e non curandosi dei rischi associati a questa scelta.

Per quanto riguarda invece la funzione che consente di bloccare altri utenti, la netta maggioranza è ben informata (95%) ma, entrando nel merito del tool, solo il 26% dei ragazzi segnala spesso i contenuti ritenuti inappropriati richiedendone la rimozione, mentre c’è un 36% che non l’ha mai fatto e un 34% che lo ha fatto una sola volta.  Bisogna inoltre evidenziare che, coloro che sono soliti segnalare un post, lo fanno soprattutto per antipatia verso la pagina o la persona segnalata. È inoltre diffusa la convinzione errata che la segnalazione garantisca sempre la rimozione automatica del contenuto da Facebook (8,5%) a differenza del 43% che crede che la segnalazione determini la rimozione solo se il contenuto è contrario ai Community Standard.

Skuolanet-facebook

Engage nella tua e-mail. Gratis, ogni giorno

Engage La Prima
La nostra newsletter quotidiana, contenente le 10 notizie più impattanti della giornata, per rimanere sempre aggiornato sui trend del mercato.

Engage Mag
Il nostro magazine periodico, con focus e speciali di approfondimento, distribuito anche in forma cartacea ai principali eventi di settore.

Partner Messages
Messaggi periodici dai nostri partner. Se acconsenti alla ricezione di queste email, aiuterai Engage a mantenere i suoi canali fruibili gratuitamente, e, oltretutto, potresti trovare inviti e informazioni utili alla tua azienda.