IAB Italia misurerà la “qualità” delle audience pubblicitarie online. Contest per il partner tecnico

L’associazione produrrà una ricerca dedicata al monitoraggio di parametri come viewability, brand safety e idoneità dei formati pubblicitari. L’annuncio a IAB Forum

di Simone Freddi
30 novembre 2017
IAB-Agostinelli
Aldo Agostinelli sul palco di IAB Forum

IAB Italia intende offrire un contributo concreto nella misurazione e nel monitoraggio della “qualità” delle audience pubblicitarie online in Italia, e si prepara a lanciare nei prossimi giorni un contest finalizzato a definire i partner tecnici con cui realizzare una ricerca dedicata.

Ad annunciare l’iniziativa è stato Aldo Agostinelli, vice presidente dell’associazione che rappresenta la industry della pubblicità online, giovedì nel corso della giornata conclusiva di IAB Forum.

Il progetto, le cui linee guida sono state definite nelle scorse settimane dal consiglio direttivo dell’associazione, punta a fare chiarezza rispetto ad alcuni temi sensibili per il mercato pubblicitario, quali le preoccupazioni degli investitori sulla brand safety dei contesti in cui la pubblicità viene erogata, l’effettiva visibilità degli annunci (viewability) e il rispetto delle linee guida sviluppate a livello internazionale da IAB per i formati pubblicitari, in particolare secondo i principi del progetto LEAN, che prevede l’adozione in larga scala di unità pubblicitarie più leggere e rispettose dell’esperienza-utente.

Per far questo, già la prossima settimana IAB Italia dovrebbe annunciare ufficialmente l’apertura di un contest per individuare i partner tecnici con cui impostare un progetto di ricerca dedicato. Gli obiettivi, come ci ha specificato a margine di IAB Forum il dg dell’associoazione, Daniele Sesini, sono innanzitutto la definizione dei KPI idonei a definire uno standard qualitativo per ognuna delle dimensioni considerate, quindi il loro monitoraggio e misurazione continuativa.

Il fine dovrebbe essere in prima battuta quello di fornire un indice aggregato di qualità per le audience italiane, ma IAB Italia non esclude di poter poi produrre dei report più dettagliati da fornire al mercato in modalità che verranno definite in seguito.

«Contiamo di produrre i primi output di ricerca entro il primo semestre del 2018», ci ha detto Sesini.

Nel 2018 un Seminar a Roma

Concretamente, l’orizzonte temporale identificato da Sesini per la nuova ricerca consentirebbe all’associazione di presentare i primi dati nel corso dello IAB Seminar in programma il 3 luglio a Roma. L’evento sarà dedicato proprio al tema della “Quality & Transparency” della pubblicità interattiva e godrà di «un forte coinvolgimento delle Istituzioni», ha anticipato il dg di IAB Italia.

Oltre al ritorno di un Seminar nella Capitale, il programma di eventi IAB 2018, ufficializzato nel corso della seconda giornata di IAB Forum, prevede altre novità: si parte con la Milan Digital Week del 15-18 marzo, contenitore “aperto” realizzato insieme al Comune di Milano che ospiterà, tra l’altro, un Seminar (di cui non è stato ancora comunicato il tema), l’evento IAB Internet Motors Milano e una celebrazione per i 20 anni dell’associazione; IAB Interact, evento di respiro internazionale collegato al premio IAB Mixx che quest’anno si svolgerà a Milano il 23 e 24 maggio; l’altro grande appuntamento è ovviamente IAB Forum, che nel 2018 avrà una collocazione “anticipata” essendo in programma il 14 e 15 novembre. Inoltre, nasce il nuovo format “Digital Breakfast”: «Si tratterà di una serie di appuntamenti informali, non sponsorizzati, finalizzati a stimolare il networking tra i nostri associati e le aziende», ci ha detto in proposito Sesini.

Un programma quindi un po’ diverso dal passato, ma comunque intenso e figlio della forte domanda presente sul mercato di momenti di incontro e aggiornamento sui temi del digitale. Lo conferma, secondo Sesini, anche il successo di IAB Forum 2017. «Quest’anno abbiamo provato per la prima volta a far pagare un biglietto per la sessione plenaria, e il calo di presenze in sala è stato quasi impercettibile».

«Siamo molto soddisfatti del nostro 2017», ha concluso Sesini riferendosi ai risultati ottenuti quest’anno da IAB non solo negli eventi, ma anche in altri campi, come la formazione e le relazioni istituzionali a livello europeo e italiano su temi come l’e-privacy regulation e il “Bonus Pubblicità“. A tal proposito, dalla prossima settimana IAB Italia sarà tra i protagonisti di un Tavolo di Lavoro sulle Fake News promosso dall’AgCom, che vedrà il coinvolgimento dei grandi editori e delle principali piattaforme digitali.

Engage nella tua e-mail. Gratis, ogni giorno

Engage La Prima
La nostra newsletter quotidiana, contenente le 10 notizie più impattanti della giornata, per rimanere sempre aggiornato sui trend del mercato.

Engage Mag
Il nostro magazine periodico, con focus e speciali di approfondimento, distribuito anche in forma cartacea ai principali eventi di settore.

Partner Messages
Messaggi periodici dai nostri partner. Se acconsenti alla ricezione di queste email, aiuterai Engage a mantenere i suoi canali fruibili gratuitamente, e, oltretutto, potresti trovare inviti e informazioni utili alla tua azienda.