Google e Facebook controllano il 20% del mercato pubblicitario mondiale

I due Ott hanno contribuito insieme al 64% dei nuovi investimenti pubblicitari messi in campo tra il 2012 e il 2016. Lo dice la nuova edizione del rapporto annuale Top Thirty Global Media Owners realizzato da Zenith

di Lorenzo Mosciatti
02 maggio 2017
google-facebook-ok

La quota degli investimenti pubblicitari mondiali detenuta da Google e Facebook ha superato lo scorso anno il 20% della spesa totale, in forte crescita rispetto all’11% del 2012. D’altronde, secondo quanto evidenzia la nuova edizione del rapporto annuale Top Thirty Global Media Owners realizzato da Zenith, i due Ott hanno contribuito insieme al 64% dei nuovi investimenti pubblicitari messi in campo tra il 2012 e il 2016.

top-30-media-owner-zenith

Google, società che opera oggi sotto l’ombrello della holding Alphabet, continua a mantenere la leadership con un fatturato pubblicitario di 79,4 miliardi di dollari, tre volte tanto dunque Facebook, in seconda posizione con 26,9 miliardi. In terza piazza si posiziona il primo tra gli editori tradizionali, ovvero il gruppo statunitense Comcast, con 12,9 miliardi di ricavi pubblicitari.

Come già evidenziato nell’ultimo forecast di Zenith sulla spesa internazionale in advertising, internet ha superato quest’anno la televisione quale primo medium pubblicitario nel mondo. Non stupisce dunque che gli operatori puri di internet dominino la classifica. Oltre a Google e Facebook, nella Top Thirty Global Media Owners figurano infatti Baidu, Microsoft, Yahoo, Verizon e Twitter. Questi sette operatori hanno raccolto nel 2017 132,8 miliardi di ricavi pubblicitari, ovvero il 73% di tutta la spesa su internet e il 24% del fatturato pubblicitario globale.

Verizon, con l’acquisizione di Aol messa a segno nel 2015, è diventata una delle principali realtà del settore posizionandosi al 21° posto della Top 30 Global Media Owners ed è destinata, dopo l’ingresso di Yahoo nel perimetro del gruppo, atteso quest’anno, a salire al 6° posto. 

Twitter è la società che ha registrato nel periodo preso in esame la crescita più rapida: i ricavi pubblicitari sono aumentati del 734% tra il 2012 e il 2016. A seguire troviamo Tencent, con una crescita del 697%, e Facebook, con un incremento del 528%.

Il quarto operatore in classifica, Baidu, il principale motore di ricerca in lingua cinese, ha messo a segno quindi una crescita del 190%, mentre Sinclair Broadcasting Group (27°) è cresciuto del 171%.

Venti aziende su 30 della classifica sono statunitensi, Cina e Germania sono presenti con tre realtà (Baidu, Tencent e CCTV per la Cina, Bertelsmann, ProSiebenSat.1 e Axel Springer per la Germania), mentre gli altri quattro paesi presenti hanno una società nel ranking: la Francia è presente con JCDecaux, il Brasile con Grupo Globo, l’Italia con Mediaset e il Regno Unito con ITV. Il primo e unico operatore italiano in classifica è dunque Mediaset, posizionato al 22° posto.

“La rilevanza delle piattaforme più grandi mette in evidenza l’importanza di costruire forti partnership tra le agenzie e le concessionarie”,  commenta Vittorio Bonori, Global President di Zenith. “Le aziende hanno bisogno di queste piattaforme per raggiungere il consumatore in modo efficace ed efficiente e le agenzie devono garantire che ciò avvenga alle condizioni migliori”.

“Il ranking della nuova edizione della Top 30 Global Media Owners pubblicata da Zenith dimostra come la crescita del mercato pubblicitario sia fortemente guidata dalla comunicazione su internet”, aggiunge Jonathan Barnard, Head of Forecasting di Zenith. “Google e Facebook da soli hanno rappresentato quasi i due terzi della crescita globale del mercato pubblicitario dal 2012 ad oggi”.

Engage nella tua e-mail. Gratis, ogni giorno

Engage La Prima
La nostra newsletter quotidiana, contenente le 10 notizie più impattanti della giornata, per rimanere sempre aggiornato sui trend del mercato.

Engage Mag
Il nostro magazine periodico, con focus e speciali di approfondimento, distribuito anche in forma cartacea ai principali eventi di settore.

Partner Messages
Messaggi periodici dai nostri partner. Se acconsenti alla ricezione di queste email, aiuterai Engage a mantenere i suoi canali fruibili gratuitamente, e, oltretutto, potresti trovare inviti e informazioni utili alla tua azienda.