Google come Instagram: su AMP arrivano le Stories

Gli editori potranno creare su siti mobile contenuti che combinano testi, immagini, video e grafiche. A breve la possibilità di inserire pubblicità

di Alessandra La Rosa
14 febbraio 2018
amp-stories

Era da un po’ che non si sentiva parlare del progetto AMP di Google. Ma la sua roadmap intanto continuava ad andare avanti, e non soltanto a livello di messa a punto tecnologica.

In occasione dell’AMP Conf 2018, la conferenza per gli sviluppatori il 13 e 14 febbraio ad Amsterdam, Google ha infatti annunciato il lancio di AMP Stories, una novità che consente agli editori di creare su siti mobile contenuti che combinano testi, immagini, video e grafiche, di fatto molto simili alle Storie di Instagram (il nome, in effetti, è lo stesso).

Le AMP Stories sono originariamente create per l’ambiente mobile, ma Google le ha adattate anche al desktop, per consentire agli utenti di visualizzare tali contenuti su molteplici dispositivi e di poterli condividere.

Al momento del lancio non è prevista pubblicità all’interno delle Stories, ma le cose cambieranno con molta probabilità in un futuro non troppo lontano. Secondo quanto dichiarato dalla stessa società, la possibilità di inserire annunci all’interno di questi contenuti è già in cantiere, e novità in tal senso potrebbero essere comunicate già nelle prossime settimane.

Citando il Product manager di AMP Rudy Galfi, la testata AdWeek riporta che i ricavi della vendita di annunci dovrebbero, secondo quanto dichiarato da Google, andare al 100% agli editori responsabili dei contenuti. «La pubblicità è molto importante – avrebbe dichiarato Galfi -. Il giornalismo e la produzione di contenuti ha bisogno di essere finanziata in qualche modo». Su questo argomento, il manager avrebbe detto che attualmente l’obiettivo è quello di attirare «grandi stakeholder, compresa la comunità dell’ad tech» aggiungendo che le AMP Stories consentiranno «formati pubblicitari estremamente coinvolgenti».

Per il momento intanto un altro, più pressante, obiettivo di Google è quello di portare a bordo del progetto AMP Stories più editori possibile. Per ora tra i partecipanti ci sono The Washington Post, CNN, Mic, Conde Nast, Wired, People e Mashable.

Engage nella tua e-mail. Gratis, ogni giorno

Engage La Prima
La nostra newsletter quotidiana, contenente le 10 notizie più impattanti della giornata, per rimanere sempre aggiornato sui trend del mercato.

Engage Mag
Il nostro magazine periodico, con focus e speciali di approfondimento, distribuito anche in forma cartacea ai principali eventi di settore.

Partner Messages
Messaggi periodici dai nostri partner. Se acconsenti alla ricezione di queste email, aiuterai Engage a mantenere i suoi canali fruibili gratuitamente, e, oltretutto, potresti trovare inviti e informazioni utili alla tua azienda.