Yahoo, al via lo spin off da Alibaba per fare cassa

Per prendere tempo a fronte di dati finanziari sotto le attese, la società di cui è a.d. Marissa Mayer punta a monetizzare la propria partecipazione nel gigante dell’ecommerce cinese attraverso un’operazione esentasse

di Simone Freddi
28 gennaio 2015
Marissa Mayer
Marissa Mayer

Yahoo vuole fare cassa monetizzando le proprie quote di Alibaba per bilanciare i conti ancora deludenti.

Sembra essere questa la strategia della digital company guidata dall’amministratore delegato Marissa Mayer, i cui dati finanziari, ufficializzati martedì, sono peggiori rispetto alle previsioni degli analisti. Nel quarto trimestre 2014 Yahoo, ha riportato ricavi, escluse le entrate condivise con siti partner, per 1,18 miliardi di dollari, in calo dell’1,8 per cento rispetto all’analogo trimestre 2013. I profitti, pari a 166 milioni, sono dimezzati rispetto a una anno fa.

Tuttavia, mentre il fatturato del display (464 milioni di dollari nel Q4) continua a diminuire – si tratta del terzo trimestre di declino consecutivo – una nota positiva arriva dai “newer businesses” come mobile, social, pubblicità native e video, che hanno generato 1,1 miliardi di ricavi e risultano la parte in maggior crescita dell’attività di Yahoo.

Si tratterebbe, dunque, di prendere tempo, permettendo alle nuove attività di svilupparsi al massimo del potenziale, placando al contempo le rimostranze degli azionisti, che chiedono a Marissa Mayer ritorni maggiori e risultati dopo anni alla guida che non hanno ancora portato ai successi sperati.

La soluzione è quella di monetizzare la partecipazione in Alibaba del valore di circa 40 miliardi di dollari. Già lo scorso anno, il colosso di Sunnyvale aveva venduto azioni del gigante dell’e-commerce cinese per circa 10 miliardi di dollari, ma ci aveva dovuto pagare sopra tasse per circa tre miliardi. Tipicamente, infatti, un gruppo statunitense deve mettere in conto imposte di circa il 35% sulla quota di titoli ceduta.

Per evitare un tale esborso, è stato quindi deciso di seguire una strada alternativa: la partecipazione in Alibaba sarà trasferita a una società di nuova costituzione che sarà a sua volta quotata in Borsa, e che potrebbe prendere denaro a prestito e utilizzarlo per comprare le quote di Yahoo. In questo modo, l’operazione sarebbe esentasse. Il completamento dell’operazione di spin-off è previsto nel quarto trimestre del 2015 (Q4 2015).

“Abbiamo lavorato senza sosta su un’alternativa fiscale efficiente che massimizzasse il valore del nostro investimento in Alibaba” – ha spiegato Marissa Mayer – “e uno spin-off esentasse realizza questo obiettivo e offre valore direttamente ed esclusivamente per i nostri azionisti”. Yahoo manterrà invece il 35,5% di Yahoo Japan, che vale circa 7 miliardi di dollari.

Engage nella tua e-mail. Gratis, ogni giorno

Engage La Prima
La nostra newsletter quotidiana, contenente le 10 notizie più impattanti della giornata, per rimanere sempre aggiornato sui trend del mercato.

Engage Mag
Il nostro magazine periodico, con focus e speciali di approfondimento, distribuito anche in forma cartacea ai principali eventi di settore.

Partner Messages
Messaggi periodici dai nostri partner. Se acconsenti alla ricezione di queste email, aiuterai Engage a mantenere i suoi canali fruibili gratuitamente, e, oltretutto, potresti trovare inviti e informazioni utili alla tua azienda.