ScuolaZoo punta su Instagram Stories e WhatsApp per il suo e-commerce

La strategia messa in campo dalla community di OneDay Group guarda alla Generazione Z, ai nati dopo il 2000

di Lorenzo Mosciatti
16 marzo 2017
Instagram-ScuolaZoo-imagine

In un mondo che viaggia sempre più veloce anche gli strumenti di comunicazione cambiano allo stesso ritmo: se la radio e la tv hanno dominato la scena per decenni, per Facebook il declino sul target degli under 18 è già iniziato. La Generazione Z, ovvero i nati dopo il 2000, che oggi rappresentano i 3/5 dei ragazzi delle scuole superiori e tra due anni saranno la totalità degli studenti delle scuole italiane, si è infatti già spostata su Instagram. Ad evidenziarlo in una nota è ScuolaZoo.

Paolo-De-Nadai
Paolo De Nadai

Partendo da queste considerazioni, ScuolaZoo ha deciso di sperimentare il marketing del proprio e-commerce attraverso le Stories di Instagram e la vendita dei prodotti su WhatsApp: una comunicazione diretta, immediata, semplice che permette di andare a incontrare il target nelle sue piattaforme preferite, utilizzando il suo linguaggio.

La Generazione Z rifugge da Facebook, spiega sempre ScuolaZoo, perché è il social dove sono presenti i loro genitori e professori. Preferiscono un social che rappresenti la loro vita istantaneamente, senza lasciare traccia. Ecco perché il native marketing di ScuolaZoo è stato effettuato attraverso le Stories di Instagram, per poi lanciare una call to action ad andare ad acquistare i prodotti su WhatsApp attraverso un semplice messaggio dove confermare l’acquisto con un click.

Da tempo infatti il Customer Care dello shop e dei Viaggi di ScuolaZoo ha in WhatsApp il suo canale più importante, perché preferito anche dai giovani Millennial. Le Stories hanno totalizzato 70.000 views in sole 3 ore. Gli acquisti sono stati quasi un centinaio.

“Rimanere il punto di riferimento degli studenti italiani rappresenta una sfida quotidiana: i ragazzi cambiano gusti e inventano codici di comunicazione da zero con una velocità che non è assimilabile a quella di nessun altro target. Per essere accettati nel loro mondo devi saperli accompagnare se non addirittura anticipare”, commenta Paolo De Nadai, fondatore di ScuolaZoo e Ceo di OneDay Group, la Business Factory proprietaria della community. “Quella di WhatsApp, Instagram e del cambio generazionale è una nuova, importante ed entusiasmante sfida, ma che offre anche una grande opportunità: lavorare in canali che la maggior parte delle aziende non presidia, ma di uso comune per il target, e consolidare quindi il rapporto con loro e il vantaggio competitivo di mercato”.

Engage nella tua e-mail. Gratis, ogni giorno