Gedi Gruppo Editoriale, ricavi in linea nel 2017; la raccolta sul web a +2,3%

Sui conti del gruppo editoriale guidato dall’a.d. Monica Mondardini pesa un onere fiscale di 175,3 milioni. Rifiutata l’offerta avanzata da F2i-Rai Way per acquistare il 30% di Persidera

di Lorenzo Mosciatti
05 marzo 2018
Monica-Mondardini-gruppo-espresso
Monica Mondardini

Gedi Gruppo Editoriale chiude il 2017 con ricavi consolidati pari a 633,7 milioni di euro, in crescita dell’8,2% rispetto al 2016. Il risultato è invece sostanzialmente stabile a perimetro equivalente, ovvero senza i risultati delle quattro testate locali cedute a fine 2016 e con i risultati del secondo semestre del Gruppo Itedi, entrato in Gedi dal 1 luglio 2017.

Il periodo si è chiuso per la società presieduta da Marco De Benedetti, e guidata dall’a.d. Monica Mondardini, con un risultato netto consolidato negativo per 123,3 milioni, a fronte di utile di 10,4 milioni del 2016. A pesare sui conti è stato un onere fiscale pari a 175,3 milioni (di cui 140,2 milioni pagati nel 2017 ed i restanti 35,1 milioni da versare entro il 30 giugno 2018) sostenuto per la definizione di un contenzioso legato all’operazione di riorganizzazione societaria del Gruppo Editoriale L’Espresso realizzata nel 1991.

I ricavi diffusionali, pari a 201,7 milioni, sono risultati in leggero aumento (+0,8%) rispetto a quelli dell’esercizio precedente mente risultano in flessione del 7,1% a pari perimetro. I ricavi pubblicitari, pari a 390,1 milioni di euro, sono cresciuti del 13,7% rispetto al 2016; la crescita a perimetro equivalente è stata del 5,7%, con una flessione del 3,3% sui mezzi del gruppo ed un incremento significativo delle concessioni di terzi, grazie alle nuove concessioni di Radio Italia e delle testate La Stampa e il Secolo XIX (la cui raccolta di pubblicità nazionale è passata al gruppo dall’inizio del 2017 e per il primo semestre dell’esercizio è stata classificata quale raccolta per terzi, posto che l’integrazione è avvenuta a metà anno).

Con riferimento ai mezzi del gruppo, la raccolta pubblicitaria su radio è cresciuta del 5%, la raccolta su internet ha mostrato una crescita del 9,9% (+2,3% a perimetro equivalente), con un andamento migliore di quello del mercato. Infine, la raccolta su stampa ha registrato un aumento del 4,8% (-7,3% a perimetro equivalente, in linea con l’andamento generale della raccolta dei quotidiani).

L’indebitamento finanziario netto al 31 dicembre 2017 ammontava a 115,1 milioni di euro, dopo l’esborso fiscale di 140,2 milioni per la definizione del contenzioso di cui sopra. Il consiglio di amministrazione proporrà all’assemblea dei soci di coprire interamente la perdita d’esercizio mediante l’utilizzo delle riserve disponibili iscritte in bilancio al 31 dicembre 2017.

Gedi ha infine rifiutato l’offerta vincolante avanzata da F2i-Rai Way per acquistare il 30% di Persidera, dichiarando di avere in corso contatti con altri investitori. “L’offerta non è stata considerata in linea con le aspettative e pertanto è stata rifiutata. Sono attualmente in corso contatti con altri investitori, le cui eventuali offerte saranno valutate dalla società”, spiega in una nota Gedi, socio di minoranza della società dei multiplex televisivi controllata al 70% da Telecom Italia.

Engage nella tua e-mail. Gratis, ogni giorno

Engage La Prima
La nostra newsletter quotidiana, contenente le 10 notizie più impattanti della giornata, per rimanere sempre aggiornato sui trend del mercato.

Engage Mag
Il nostro magazine periodico, con focus e speciali di approfondimento, distribuito anche in forma cartacea ai principali eventi di settore.

Partner Messages
Messaggi periodici dai nostri partner. Se acconsenti alla ricezione di queste email, aiuterai Engage a mantenere i suoi canali fruibili gratuitamente, e, oltretutto, potresti trovare inviti e informazioni utili alla tua azienda.