Editoria online: da Google 150 milioni per sviluppare progetti innovativi

BigG lancia oggi il fondo finalizzato a supportare l’innovazione nel giornalismo digitale. Rivolto agli editori europei di qualsiasi dimensione, offre fino a un milione di euro a fondo perduto

di Simone Freddi
22 ottobre 2015
Google-LOGO

Google lancia il Fondo per l’Innovazione, nel contesto del progetto della Digital News Initiative.

Il Digital News Innovation Fund è stato creato da Google per supportare e dare impulso all’innovazione nel giornalismo digitale: BigG mette a disposizione 150 milioni di euro a fondo perduto, in tre anni, per i progetti più interessanti e innovativi nel campo del giornalismo digitale. Il Fondo rappresenta uno dei tre pilastri della Digital News Initiative (DNI), la partnership tra Google e i principali operatori europei dell’informazione.

“Il Fondo ha un obiettivo molto ambizioso: dare vita a nuovi modi di pensare, che possono avere origine ovunque nell’ecosistema dell’informazione, per dare alle organizzazioni di qualsiasi dimensione la possibilità di provare qualcosa di nuovo. A questo scopo abbiamo stanziato 150 milioni di euro che, nel corso dei prossimi tre anni, saranno resi disponibili sotto forma di finanziamenti a fondo perduto”, spiega in una nota Ludovic Blecher, Head of DNI Innovation Fund, Google.

Il Fondo è aperto a editori affermati, realtà attive esclusivamente online, nuove start-up, partnership collaborative e singoli individui residenti nei paesi della UE più Svizzera, Norvegia, Lichtenstein e Islanda. Sono previste tre categorie di finanziamento: Prototipi (che potranno essere finanziati anche al 100%), progetti di medie dimensioni e progetti di grandi dimensioni (entrambe le categorie prevedono una copertura che può arrivare fino al 70% del costo totale), con un limite di un milione di euro a progetto.

Il sito della Digital News Initiative contiene tutti i dettagli, tra cui i criteri di idoneità, i termini e le condizioni e i moduli per presentare la domanda di finanziamento.

“Siamo alla ricerca di progetti che propongano un nuovo modo di pensare nell’ambito del giornalismo digitale, che supportino lo sviluppo di nuovi modelli di business o anche che cambino le abitudini degli utenti per quanto riguarda le news digitali. I progetti possono avere un forte carattere sperimentale, ma devono avere degli obiettivi ben definiti e una componente digitale significativa”, precisa in proposito Blecher.

Ogni anno ci saranno almeno due sessioni nelle quali sarà possibile presentare progetti per il finanziamento. La prima ha inizio oggi (giovedì) e si chiuderà il 4 dicembre, la prossima inizierà nella primavera del 2016.

 

Engage nella tua e-mail. Gratis, ogni giorno

Engage La Prima
La nostra newsletter quotidiana, contenente le 10 notizie più impattanti della giornata, per rimanere sempre aggiornato sui trend del mercato.

Engage Mag
Il nostro magazine periodico, con focus e speciali di approfondimento, distribuito anche in forma cartacea ai principali eventi di settore.

Partner Messages
Messaggi periodici dai nostri partner. Se acconsenti alla ricezione di queste email, aiuterai Engage a mantenere i suoi canali fruibili gratuitamente, e, oltretutto, potresti trovare inviti e informazioni utili alla tua azienda.