Blasting News: native, programmatic e reservation per un 2017 a +40%

La piattaforma di cui è Country Manager Filippo Arroni punta a chiudere l’anno in crescita grazie ad un perfezionamento dell’offerta adv che passa anche da importanti accordi, come quello con IAS sul fronte brand safety

di Cosimo Vestito
24 ottobre 2017
Filippo-Arroni_Country-Manager-Italia-Blasting-News
Filippo Arroni

Blasting News punta a chiudere l’anno con un incremento del fatturato rispetto al 2016 grazie ai progetti di Native Branded Content, alla nuova struttura locale, al consolidamento del business in programmatic e alla crescita delle campagne in reservation.

Un importante tassello di questa strategia è l’accordo, siglato dal gruppo a livello internazionale e annunciato oggi, con Integral Ad Science (IAS), il cui obiettivo è garantire la brand safety agli inserzionisti e giornalismo di qualità ai lettori (leggi qui l’approfondimento su Programmatic Italia).

Una partnership, quella con IAS, che contribuirà a favorire il raggiungimento degli obiettivi della società. «Puntiamo a chiudere l’anno con una crescita del 40% – ha dichiarato il Country Manager Filippo Arroni, contattato da Engage -. Tale livello di incremento è dovuto principalmente al fatto di avere sviluppato, a partire da quest’anno, una struttura locale completamente focalizzata sulla vendita, oltre a una serie di progetti e nuove iniziative, in primis la proposition legata alla nostra tecnologia in white label, rivolta a quei brand e publisher che hanno l’esigenza di incrementare fortemente il traffico verso il sito e ingaggiare gli utenti, trasformandoli in propri ambassador, attraverso contenuti freschi, di qualità e su base quotidiana».

Un obiettivo al quale la realtà editoriale, guidata dal Ceo Andrea Manfredi, punta attraverso tre asset strategici: primo tra tutti il Native. «I nostri progetti di native branded content fanno leva sulla medesima ricetta che ci ha permesso di coinvolgere oltre 100 milioni di utenti unici mensili a livello globale, fatta da crowd, social e tecnologia – ci ha spiegato il Country Manager -. Chiediamo ai nostri Blaster (contributor) di sviluppare contenuti (testuali o video) sulla base del brief del cliente e di occuparsi anche della distribuzione degli stessi attraverso i social e le community, garantendo oltre 100.000 reader sul set di contenuti che vengono prodotti per il brand. Questo approccio sta riscontrando un elevato interesse da parte di clienti e centri media e senza dubbio ci aiuterà a raggiungere gli obiettivi che ci siamo prefissati».

Andrea_Manfredi_Blasting_News
Andrea Manfredi

Anche il Programmatic è un piatto forte del menù di Blasting News, con un’offerta che l’editore intende consolidare sempre di più «in primis attraverso una presenza quotidiana e capillare su tutti i trading desk. Questo ci permetterà di spostare gradualmente gli investimenti da open market a PMP/deal, anche in modalità audience guaranteed e di crescere, soprattutto grazie alle nostre KPI superiori alle medie di mercato sia in termini di viewability che di VTR».

Infine, le campagne in reservation. «Ci stiamo impegnando nell’evangelizzazione del cliente rispetto ai benefit che otterrebbe sposando il nostro modello di giornalismo innovativo. Ne conseguono un innalzamento della qualità in termini di tool a disposizione dei Brand e dei centri media, IAS su tutti, e un layout pulito delle nostre pagine lontano da formati che consideriamo intrusivi e poco graditi agli utenti, aspetto in merito al quale poniamo la massima attenzione perché è il motore dell’intero “sistema” Blasting News. Ci siamo già conformati infatti alle indicazioni della Coalition for Better Ads», ha concluso Arroni.

La divisione italiana di Blasting News conta oltre 15 milioni di utenti unici, un magazzino video pre-roll da 40 milioni di visualizzazioni mensili e oltre 500.000 Blaster attivi.

Engage nella tua e-mail. Gratis, ogni giorno

Engage La Prima
La nostra newsletter quotidiana, contenente le 10 notizie più impattanti della giornata, per rimanere sempre aggiornato sui trend del mercato.

Engage Mag
Il nostro magazine periodico, con focus e speciali di approfondimento, distribuito anche in forma cartacea ai principali eventi di settore.

Partner Messages
Messaggi periodici dai nostri partner. Se acconsenti alla ricezione di queste email, aiuterai Engage a mantenere i suoi canali fruibili gratuitamente, e, oltretutto, potresti trovare inviti e informazioni utili alla tua azienda.