L’innovazione tech israeliana in vetrina a Milano con Gruppo DigiTouch

Dal social commerce alla retail automation: la società guidata da Paolo Mardegan ha portato a Milano una selezione di start up focalizzate sull’innovazione del retail in collaborazione con il Ministero dell’Economia Israeliano

di Simone Freddi
13 giugno 2018
Digitouch-startup-milano
Un momento dell'evento

Mentre “omnicanalità” sta diventando la nuova parola d’ordine di qualsiasi strategia retail, le aziende italiane manifestano una crescente domanda di innovazione tech per emergere in un mercato altamente competitivo. In questo scenario ormai evidente, è nel florido panorama delle start up che le imprese possono trovare terreno fertile per costruire gli asset strategici necessari alla piena integrazione tra mondo fisico e virtuale.

Per questo motivo il Gruppo DigiTouch, coerentemente con il posizionamento di “MarTech System Integrator” in grado di aiutare i clienti a sviluppare il proprio business attraverso soluzioni digitali a 360 gradi, ha collaborato con il Ministero dell’Economia Israeliano per portare a Milano una selezione di start up focalizzate proprio sull’innovazione per il retail.

Il tutto si è concretizzato mercoledì in “Tech Inovation: Israeli’s startups meet Italian companies”, interessante vetrina sul meglio della realtà israeliana in materia.

Introdotte da Natalie Gutman-Chen, Consigliere per gli Affari Commerciali del Ministero dell’Economia Israeliano, e Paolo Mardegan, Ceo del Gruppo DigiTouch, le start up presenti hanno offerto una panoramica su innovative opportunità in campi come social commerce, data & analytics, AR/VR, retail automation, supply chain tech, AI & voice recognition.

Digitouch-startup-2
Un momento dell’evento

Presenti Bllush, che aiuta i brand a arricchire i propri ecommerce con contenuti di influencer e utenti reali in modo automatizzato e senza problemi di copyright; BrandGuard, che trasforma i packaging in sofisticate interfacce interattive grazie a un sistema di “Smart QR Code”; Bringoz, start up specializzata nell’“ultimo miglio” che si propone di rendere la logistica più efficiente attraverso una piattaforma di ottimizzazione real-time dei processi di consegna; Dymanic Yield, che ha sviluppato una sistema unificato di personalizzazione della customer experience.

E ancora Konnecto, la cui specialità è elaborare informazioni multiple sugli utenti e trasformarle in insight azionabili; Personalics, che rende più flessibile e efficace la messaggistica sfruttando algoritmi predittivi; Eyecue, che permette di creare modelli 3D “aumentati” per la presentazione dei prodotti a catalogo negli econmmerce; Syte, che consente agli utenti di cercare un particolare prodotto negli store virtuali semplicemente caricando una foto dallo smartphone; Viewbix, che rende interattivi i video con un sistema di call-to-action dedicate.

A chiudere la rassegna Weezmo, che con le sue soluzioni riesce a “unificare” il profilo di un acquirente del negozio tradizionale con la sua identità online, aiutando brand e retailer a conoscere meglio i consumatori e a comunicare con loro in modo più efficace.

«Le giovani imprese presenti all’evento rappresentano al meglio la realtà israeliana e il concetto di “start up Nation” sul quale si fonda il progresso tecnologico israeliano», ha commentato Natalie Gutman-Chen, che ha sottolineato «la grande complementarietà tra il tessuto economico italiano, ricco di tradizione e marchi d’eccellenza riconosciuti nel mondo, e le start up israeliane, che sviluppano le competenze per aprire alle aziende i mercati di domani. Siamo entusiasti di contribuire a creare nuove connessioni tra questi due mondi, così da generare nuove opportunità di investimento e cooperazione tra i due Paesi».

Natalie_Gutman-Chen-Paolo-Mardegan
Natalie Gutman-Chen e Paolo Mardegan

Dopo la conferenza plenaria, l’evento è proseguito per tutta la giornata con una agenda di incontri one to one che hanno permesso alle aziende italiane presenti di approfondire con le singole start up i propri punti di interesse. «Speriamo che questo evento possa essere il primo di una serie di incontri dedicati alle start up – ci ha detto a margine Paolo Mardegan -. Il nostro gruppo coltiva da tempo un forte interesse nei confronti di questo mondo, manifestato sia attraverso investimenti diretti che mediante l’attivazione di un progetto di co-working. Intendiamo posizionarci sempre di più come “MarTech System Integrator”, con l’obiettivo di aiutare i nostri clienti a accelerare il business con progetti di marketing e comunicazione omnicanale facendo leva sulle nostre soluzioni tech, su un team di professionisti capaci e dotati di competenze verticali, e su un approccio orientato alle partnership».

Engage nella tua e-mail. Gratis, ogni giorno

Engage La Prima
La nostra newsletter quotidiana, contenente le 10 notizie più impattanti della giornata, per rimanere sempre aggiornato sui trend del mercato.

Engage Mag
Il nostro magazine periodico, con focus e speciali di approfondimento, distribuito anche in forma cartacea ai principali eventi di settore.

Partner Messages
Messaggi periodici dai nostri partner. Se acconsenti alla ricezione di queste email, aiuterai Engage a mantenere i suoi canali fruibili gratuitamente, e, oltretutto, potresti trovare inviti e informazioni utili alla tua azienda.