Google Next 2017: cloud computing, machine learning e AI sotto i riflettori

Alessandro Pelliciari, Head Of Innovation di Webranking, era presente all’evento di San Francisco, il primo organizzato da Google dedicato al mondo del machine learning e cloud computing

di Alessandro Pelliciari, Head Of Innovation di Webranking
14 marzo 2017
Google-Cloud-Next

Si è tenuto a San Francisco il Google Cloud Next 2017, il primo evento Google dedicato al mondo del machine learning e cloud computing. Il team di Webranking non si è lasciato sfuggire questa opportunità ed è andato a curiosare per vedere tutte le attività rilevanti per il nostro mercato.

Relatori come Eric Schmidt, Executive Chairman di Alphabet, Sundar Pichai, Ceo Google, e 10.000 partecipanti ci fanno subito capire che si parlerà di temi molto importanti per Big G.

Con un investimento pari a 30 miliardi di dollari, Google entra prepotentemente nel settore del cloud computing e machine learning: lo fa con Google Cloud Platform (GCP), il nuovo prodotto con il quale Mountain View vuole sfidare sia Amazon a livello di pricing e di performance sia Microsoft a livello di integrazione di tutti i prodotti, soprattutto lato business.

I case e le demo riportati sono stati di un impatto senza precedenti per il nostro business, tutti accomunati da tempi di passaggio al servizio molto rapidi, capacità di elaborazione dei dati elevata e una rete cloud estremamente robusta. Questi risultati sono stati ottenuti grazie al contributo sinergico di reti cloud, machine learning e intelligenza artificiale.

Google-Cloud-Nextt

Non è un caso che l’evento si sia tenuto nel Q1 del 2017 poiché il cloud è sempre più visto come una miniera d’oro dalle aziende hi-tech per via della domanda enterprise sempre maggiore; Google ha giudicato i tempi ormai maturi in quanto esiste un know how organizzato e diffuso che permette a tutti di applicare il machine learning nei loro settori specifici.

“Siamo all’inizio di una quarta rivoluzione industriale”, così Fei Fei Lin, Chief Scientist di Google, ha descritto lo scenario digitale attuale. D’accordo con questa considerazione il team di Webranking, che l’anno scorso ha creato un’area dedicata all’innovazione di nuovi servizi e che ha voluto rispondere “Presente” al primo evento dedicato al cloud computing. «I dati sono diventati il carburante per far evolvere i business ed è per questo che abbiamo voluto partecipare dal vivo a uno dei più esclusivi eventi del mondo digital», spiega Nereo Sciutto, Presidente di Webranking, che prosegue: «In Italia, la presenza di silos di dati totalmente separati limita le potenzialità e l’efficacia del machine learning: il margine di crescita è molto elevato e per questo ci siamo strutturati per poter supportare i nostri clienti in tutti i settori tramite strumenti di machine learning».

Nereo-Sciutto-Webranking
Nereo Sciutto

 

Engage nella tua e-mail. Gratis, ogni giorno