Giovani Leoni: ecco gli Under 30 che rappresenteranno l’Italia a Cannes

Tutti i nomi dei creativi che si sono imposti nella XXI edizione de “I Giovani Leoni”, il premio di Rai Pubblicità, Art Directors’ Club Italiano, PR Hub e Assocom

di Simone Freddi
25 maggio 2017
giovani-leoni-2017

Sono giovani, ambiziosi e hanno tanta voglia di lasciare il segno: stiamo parlando dei talenti che si sono imposti nella XXI edizione de “I Giovani Leoni“, il premio dedicato ai creativi pubblicitari italiani under 30 promosso da Rai Pubblicità, Art Directors’ Club Italiano, PR Hub e Assocom.

La premiazione si è svolta giovedì sera alla Fondazione Feltrinelli di Milano. Le coppie vincitrici, valutate dalle specifiche giurie, avranno l’onore e l’opportunità di rappresentare l’Italia alla Young Lions Competition del Festival Internazionale della Creatività di Cannes (17-24 giugno 2017).

Nella categoria Film, a vincere è stata la campagna realizzata da Corina Patraucean e Veronica Ciceri di Auge Headquarter.

Una coppia, quindi, tutta al femminile. «Per la categoria Film, c’è stata una battaglia al fotofinish tra il primo e secondo classificato – ha detto il presidente di giuria Francesco Nencini – La motivazione a favore del vincitore è stata la capacità di realizzare l’idea creativa attraverso un girato ad hoc, piuttosto che ricorrere al materiale di repertorio. E questo ha permesso all’idea creativa di essere veicolata con maggiore chiarezza».

Due creativi di Havas WW si sono invece imposti nel concorso Cyber: si tratta di Martino Caliendo e Marta Nava.

I vincitori in questo caso sono stati proclamati da Carla Leveratto, Creative Director di Gruppo Roncaglia. «In generale, c’e stata una forte tendenza nel cavalcare i trend tecnologici come VR, Bot, IOT, il che è comprensibile visto la categoria, ma in molti si sono concentrati più su trovare un l’execution d’impatto che nel trovare una vera idea – ha commentato Carla Leveratto -. Abbiamo premiato quindi la campagna che a nostro giudizio parte da un insight originale per atterrare in un’idea vincente. Trasmette inoltre un messaggio positivo, trasformando gli obesi, da parte principale del problema a parte principale della soluzione, con un pensiero laterale e una execution in linea con la categoria».

Categoria Print: in questo caso a imporsi è stata la campagna realizzata da Lorenzo Guagni e Federica Scalona di M&C Saatchi.

Erik Loi, creative director di Havas Milan, ha annunciato i vincitori. «E’ già da qualche anno che la categoria print risente di un abbassamento della qualità, specie se la paragoniamo alla consistenza dei progetti presentati nelle “nuove” categorie – ha osservato il presidente di giuria -. A mio avviso, la stampa dovrebbe restare un fondamentale del processo creativo in comunicazione. Quest’anno, il primo classificato si è aggiudicato il riconoscimento per un semplice motivo: era l’unico progetto che, in maniera esplicita e diretta, rispondeva al brief, quindi era di facile e veloce comprensione. In più, la coppia creativa ha usato un’immagine coerente con il messaggio. Un’immagine soprattutto attuale. E’ stato questo a fare in modo che la giuria gli assegnasse il premio all’unanimità»

La campagna realizzata da Camilla Sartor di Frank Studio (Milano) e Sofia Girelli di Frog Design (Milano) è invece stata premiata nella categoria Design, con un lavoro giudicato «corretto ‘grammaticalmente’, completo in tutte le parti richieste dal brief e con uno spunto visivo di buon gusto» da Franz Degano, socio fondatore e designer di Quinto Lancio e presidente della giuria Design.

Nel concorso PR Specialist, la campagna è stata premiata da Giorgio Cattaneo, presidente di MY PR, che ha annunciato i vincitori Noemi Fulli e Giacomo Galli di Ketchum. «Devo dire – ha commentato Cattaneo – che i progetti che hanno meritato il podio vedono una strategia di PR molto ben delineata e lo sviluppo di un mix di attività integrate e modulate che vanno dall’ufficio stampa all’utilizzo delle piattaforme di social media, tour itineranti, engagement di influencer in funzione delle audience da coinvolgere». La base comune di queste proposte, ha aggiunto il presidente di giuria, «è la volontà di raccontare delle storie partendo dai valori del brand e il suo riposizionamento».

Per chiudere, nella categoria Media Planner a imporsi è stata la campagna realizzata da Roberta Occhino e Marco Russo di Mindshare. La coppia è stata premiata da Anna Rossetti, Head of Strategy and Content di Havas Media Group, che ha spiegato come il lavoro della giuria abbia selezionato «l’approccio più maturo e completo, dallo studio dell’opportunità all’analisi dei risultati».

Come ogni anno, è stato selezionato uno studente delle scuole di specializzazione in pubblicità e comunicazione, che sarà iscritto alla Roger Hatchuel Academy, in programma durante il Festival. Si tratta di Angela Celano della Fondazione Accademia di Comunicazione di Milano premiata da Francesco Barbarani, Direttore Radio e Web di Rai Pubblicità.

Le short list e le creatività vincenti sono visibili (a partire da venerdì 26 maggio, ndr) sul sito www.giovanileoni.it.

Nella gallery che segue, alcune immagini della premiazione.

giovani-leoni-2017 giovani-leoni-2017
giovani-leoni-2017 giovani-leoni-2017
giovani-leoni-2017 giovani-leoni-2017
giovani-leoni-2017 giovani-leoni-2017
giovani-leoni-2017 giovani-leoni-2017
giovani-leoni-2017 giovani-leoni-2017
giovani-leoni-2017 giovani-leoni-2017
giovani-leoni-2017 giovani-leoni-2017
giovani-leoni-2017 giovani-leoni-2017

Engage nella tua e-mail. Gratis, ogni giorno

Engage La Prima
La nostra newsletter quotidiana, contenente le 10 notizie più impattanti della giornata, per rimanere sempre aggiornato sui trend del mercato.

Engage Mag
Il nostro magazine periodico, con focus e speciali di approfondimento, distribuito anche in forma cartacea ai principali eventi di settore.

Partner Messages
Messaggi periodici dai nostri partner. Se acconsenti alla ricezione di queste email, aiuterai Engage a mantenere i suoi canali fruibili gratuitamente, e, oltretutto, potresti trovare inviti e informazioni utili alla tua azienda.