Nielsen, pubblicità digitale a più 8,9% nei primi undici mesi del 2015

A novembre 2015 rallenta leggermente la crescita della radio, positiva la tv. Ottime le performance dell’out of home

di Lorenzo Mosciatti
14 gennaio 2016
media-investimenti-pubblicita-Ottobre2014-Nielsen

Gli investimenti pubblicitari in Italia sono in crescita dell’1,4% nel periodo consolidato gennaio – novembre 2015. Il dato include anche la porzione web (principalmente search e social) stimata da Nielsen. Sulla base del perimetro attualmente rilevato nel dettaglio si registrano invece un calo dell’1,0% rispetto allo stesso periodo del 2014 (56,2 milioni in meno) e un decremento dello 0,8% per il singolo mese di novembre.

«L’ultima parte dell’anno è stata caratterizzata da tensioni globali, salvataggi bancari, consumi natalizi in crescita e la coda lunga di un evento importante come Expo – ha dichiarato Alberto Dal Sasso, Advertising Information Service Business Director di Nielsen -. Nonostante la variabilità continui a condizionare questo periodo storico, per il mercato pubblicitario si conferma la favorevole tendenza prevista da più parti, tra andamenti altalenanti e più in generale una crescita stabile rispetto al mese precedente».

Relativamente ai singoli mezzi, Internet si stabilizza a novembre (1%), assestando il decremento a -0,9% sugli 11 mesi del 2015, per il perimetro attualmente monitorato. Sulla base delle stime di Nielsen relative al totale del web advertising, aggiungendo dunque la porzione di mercato non monitorata in dettaglio, il digitale crescerebbe dell’8,9% per il periodo gennaio – novembre 2015. Un buon andamento sottolineato anche da Giovanna Maggioni, d.g. dell’UPA, che oggi ha spiegato come le aziende stiano premiando nei loro investimenti i siti di qualità.

La tv cresce del 5,4% nel singolo mese, portando il periodo cumulato in perfetta parità confermando il buon andamento della seconda metà dell’anno.

Confermano il segno negativo i quotidiani, che registrano un mese di novembre a -13,4% e chiudono gli 11 mesi a -7,3%, così come i periodici, in perdita del 4,6% per questo stesso periodo.

Il mezzo radio rallenta l’andamento molto positivo: +2,4% a novembre, ma conferma un anno assolutamente positivo chiudendo a +9,1% il periodo consolidato gennaio – novembre.

Continua l’andamento negativo della raccolta per il cinema e per il direct mail, rispettivamente in calo del -8,8% e del -8,1%. Viceversa si conferma l’ottimo momento dell’intero mondo dell’out of home che chiude in terreno positivo gli undici mesi: outdoor a +3,9%, transit a +17,1% e out of home tv +12,5%.

Per quanto riguarda i settori merceologici, se ne segnalano 11 in crescita, con un apporto di circa 151 milioni di euro. Per i primi comparti del mercato si registrano andamenti differenti per il periodo cumulato: alla crescita di alimentari (+6,9%, circa 50,6 milioni) e farmaceutici (+7,1%, circa 19,3 milioni), si contrappone il calo di finanza/assicurazioni -10%, circa 30,4 milioni), automotive (-1,7%, circa 9,8 milioni) e telecomunicazioni (-8%, circa 26,3 milioni). I maggiori apporti alla crescita arrivano da servizi professionali (+10%), bevande/alcolici (+9,1%) e gestione casa (+7,7%).

Engage nella tua e-mail. Gratis, ogni giorno

Engage La Prima
La nostra newsletter quotidiana, contenente le 10 notizie più impattanti della giornata, per rimanere sempre aggiornato sui trend del mercato.

Engage Mag
Il nostro magazine periodico, con focus e speciali di approfondimento, distribuito anche in forma cartacea ai principali eventi di settore.

Partner Messages
Messaggi periodici dai nostri partner. Se acconsenti alla ricezione di queste email, aiuterai Engage a mantenere i suoi canali fruibili gratuitamente, e, oltretutto, potresti trovare inviti e informazioni utili alla tua azienda.