Audiweb: a marzo la total digital audience è di 28,5 milioni di utenti

Ad accedere a internet esclusivamente da mobile sono stati 9 milioni di utenti nel giorno medio, 2,2 milioni nel mese. Intanto, continuano le rilevazioni relative all’utenza dei brand editoriali disaggregate dalle TAL, ossia dagli accorpamenti tra siti diversi sotto lo stesso brand

di Teresa Nappi
11 maggio 2015
audiweb-2.0

A marzo, sono stati 28,5 milioni gli utenti che si sono collegati almeno una volta a internet, il 52,8% degli italiani dai 2 anni in su. E quanto emerge dai nuovi dati Audiweb relativi alla total digital audience.

Nel giorno medio la total digital audience è stata di 21,5 milioni di utenti, online per circa 2 ore in media per persona.

Nel giorno medio risultano 17,4 milioni gli utenti online da device mobili (smartphone e tablet), il 40% degli italiani di 18-74 anni, online per 1 ora e 40 minuti per persona.

Accedono a internet esclusivamente da mobile 9 milioni di utenti nel giorno medio, 2,2 milioni nel mese.

La PC audience nel giorno medio è rappresentata da 12,5 milioni di utenti dai 2 anni in su, 26,2 milioni online nel mese.

Con una media di almeno due ore di tempo complessivo speso su internet, le donne e i giovani tra i 18 e i 34 anni trascorrono più tempo online nel giorno medio. I 18-24enni, in particolare, trascorrono online oltre 2 ore e mezza, dedicando alla fruizione da mobile l’82% del tempo speso su internet.

Nelle prime posizioni delle categorie più consultate nel mese si confermano i siti di ricerca e i portali generalisti (sotto-categoria “Search” e “General Interest Portals & Communities”, rispettivamente con il 92,2% e il 90,6% degli utenti online), i social network (sotto-categoria “Member Communities”, l’87,6% degli utenti online), i siti di software, tool (sotto-categorie “Software Manufacturers” con l’85% degli utenti online nel mese) e i siti dedicati ai contenuti video (81,1% degli utenti).

La rilevazione Audiweb di marzo segue il percorso all’insegna di una maggiore trasparenza inaugurato dall’Organismo con le rilevazioni relative a febbraio e diffuse lo scorso mese, presentando per ciascun brand editoriale le audience “organiche”, derivanti dal traffico realizzato su siti di proprietà degli editori iscritti al servizio, da quelle “non organiche”, derivanti da accordi editoriali di cessione del traffico (TAL).

Un apprezzamento per questa iniziativa, insieme all’invito a uno sforzo ancora maggiore a favore della completa trasparenza del mercato, è arrivato da Fabrizio Barbato, Cfo di Ciaopeople Media Group, editore del popolare sito di informazione Fanpage.it.

«Fanpage.it ha da sempre evitato di stringere accordi TAL con editori terzi ed ha addirittura adottato la politica di aggregare tutti i prodotti editoriali del gruppo Ciaopeople sotto un unico dominio, appunto fanpage.it», ha ricordato Barbato, che a proposito delle nuove modalità di divulgazione dei dati da parte di Audiweb ha commentato: «Quest’anno Audiweb ha già fatto un passo in avanti verso la trasparenza esplicitando le TAL dei singoli channel in una apposita tab del file excel pubblicato mensilmente, ma crediamo si possa fare sicuramente di più, ad esempio indicando lo split di traffico organico/TAL all’interno della tab di Sintesi, che fornisce uno spaccato maggiormente aggregato del mercato italiano».

Engage nella tua e-mail. Gratis, ogni giorno