Henkel: tv e web nel media mix dei brand Laundry & Home Care

Le strategie della multinazionale per i marchi Vernel, Pril, Perlana, Dixan, Bref Wc e Bio Presto

di Lorenzo Mosciatti
18 maggio 2017
Perlana-for-women-logo

Investimenti pubblicitari in crescita in casa Henkel per i brand della divisione Laundry & Home Care.

Henkel, spiega ad Engage la marketing manager Sara Bottaro, intervistata a margine della presentazione della nuova edizione di Perlana For Women, «a fronte di un giro d’affari in costante crescita in un mercato invece ancora in difficoltà, anche se non come avvenuto nel recente passato, ricorre principalmente alla televisione e al digital nella pianificazione delle campagne dei suoi marchi principali, Vernel, Pril, Perlana e Dixan in primis, e Bref Wc e Bio Presto a seguire. Il budget continua dunque a crescere per poter sostenere le tante innovazioni di prodotto che lanciamo sul mercato».

Da alcuni anni Henkel ha deciso di riservare al digital advertising una quota importante dell’investimento pubblicitario, pari a circa il 10-15%. «Per alcuni brand come Vernel e Pril questa quota può arrivare anche al 20%. La televisione serve soprattutto portare il consumatore nei punti vendita, il digital ci aiuta invece a creare awareness in occasione dei nuovi lanci di prodotto», prosegue Sara Bottaro.

Da alcuni giorni è on air lo spot con cui Vernel lancia la nuova linea Supreme con la creatività firmata da TBWA, partner creativo di riferimento a livello internazionale dei marchi di Henkel. La pianificazione, gestita dal centro media MEC, prevede il coinvolgimento delle principali emittenti tv e dell’online con una videostrategy. Lo stesso media mix caratterizzerà le campagne in partenza a luglio per Perlana e Bio Presto. Quest’ultimo marchio, presente solo sul nostro mercato, sarà pubblicizzato da una creatività realizzata dalla filiale italiana del network TBWA.

Parte dei progetti social e digital di Henkel sono gestite dalle agenzie We Are Social e H-Art.

Perlana e Telefono Rosa insieme per sostenere le donne vittime violenza

In Italia sono oltre 6 milioni le donne che, nel corso della propria vita, hanno subito qualche forma di violenza da parte di partner, ex compagni, familiari, amici o sconosciuti (fonte Istat 2015). Questi dati confermano quanto il tema sia decisamente attuale e importante. Ancora più importanti sono però le numerose realtà che operano sul campo con l’intento di accompagnare le donne nel loro percorso di recupero dopo aver vissuto momenti difficili e di sostenerle nella loro quotidianità attraverso l’ospitalità all’interno di centri di accoglienza, percorsi formativi, assistenza legale e psicologica.

Da questo contesto prende così il via la nuova edizione di Perlana For Women, il progetto di responsabilità sociale ideato da Perlana nel 2013. Questa edizione vede, infatti, Perlana accanto a Telefono Rosa. L’obiettivo comune è proprio quello di garantire un sostegno concreto ad alcune donne che escono da esperienze traumatiche, oltre che sensibilizzare l’opinione pubblica sul tema.

Quest’anno, attraverso Telefono Rosa Nazionale, Perlana aiuterà alcune donne vittime di violenza dando loro la possibilità di frequentare corsi di formazione professionale per raggiungere un’indipendenza economica, uno degli aspetti fondamentali per tornare a condurre una vita serena. Ancora oggi, infatti, molte donne che denunciano si trovano, con figli a carico, senza una casa e un impiego.

Malte Turk, Direttore Marketing Divisione Laundry & Home Care, commenta: “Siamo orgogliosi di sostenere questa causa perché crediamo fortemente che da situazioni di violenza si debba e si possa uscire. Attraverso questo progetto vogliamo quest’anno sostenere coloro che, con grandissima dedizione, aiutano le donne che hanno il coraggio di denunciare e di lottare per un futuro migliore”.

“La sinergia con Perlana ci rende consapevoli che il tema della violenza sulle donne è sempre più sentito dall’opinione pubblica”, aggiunge Gabriella Carnieri Moscatelli, Presidente di Telefono Rosa. “Questo ci dà ulteriore forza nel proseguire nella nostra missione: proteggere e lottare al fianco delle donne vittime di violenza e dei loro bambini. Dal 1988, anno della sua nascita, Telefono Rosa ha supportato moltissime donne nel recupero della loro autonomia e del loro benessere attraverso due case ‘rifugio’ a Roma e una a Torino. Dal 2012 gestiamo il numero nazionale antiviolenza e stalking “1522”, promosso dalla Presidenza del Consiglio dei Ministri, Dipartimento per le Pari Opportunità, offrendo così un servizio di accoglienza telefonica multilingue, attivo 24 ore su 24 per 365 giorni l’anno. Nei nostri trent’anni di servizio abbiamo ricevuto 850.000 chiamate e richieste di aiuto”,

Engage nella tua e-mail. Gratis, ogni giorno