Conad punta ancora su Pupi Avati per lo spot di Natale. Budget adv in crescita del 3% nel 2018

L’insegna chiude il 2017 con uno spot pianificato in tv e online da Vizeum e Simple Agency. L’investimento quest’anno si è attestato sui 37 milioni con un 12-13% destinato al digital, percentuale che il prossimo anno arriverà al 15%

di Teresa Nappi
14 dicembre 2017
Conad-spot-Natale-Pupi-Avati

L’anno di Conad si chiude con risultati importanti che portano l’insegna a puntare in modo ancora più deciso sulla comunicazione a sostegno di una nuova proposizione valoriale che si ispira al nuovo mood “Nessun uomo è un’isola, nemmeno un supermercato lo è”.

Da qui prende spunto il nuovo spot girato dal regista Pupi Avati ideato da Aldo Biasi Comunicazione per il Natale di Conad. Una nuova storia, dunque, che si inserisce come terzo tassello del rapporto professionale che vede il regista legato all’insegna. «Una collaborazione partita lo scorso anno (leggi qui l’articolo dedicato, ndr) – e che ora segna un nuovo corso per Conad», ha spiegato stamattina Francesco Pugliese, Amministratore Delegato dell’insegna.

Francesco-Pugliese-Conad
Francesco Pugliese

È all’interno di un punto vendita Conad a Taranto che si svolge la nuova storia di Conad dal forte sapore natalizio. L’insegna, da sempre attenta a interpretare la vita del territorio e della comunità, getta un ponte tra l’essere “solo” un supermercato e la realtà circostante.

Nello spot il supermercato appare come il luogo dell’accoglienza, capace di dare vita ad avvenimenti impensabili, come una magica e fitta nevicata, spettacolare effetto speciale che addolcisce il film del Natale tarantino, insieme alle note musicali scandite allo stile di Giovanni Allevi che ne firma la colonna sonora.

Il voice over in chiusura dice “Nessun uomo è un’isola, nemmeno un supermercato lo è” per poi lasciare il passo al più classico “Persone oltre le cose”.

Zuliani-Avati-Pugliese-Conad
Da sinistra: Giuseppe Zuliani, Pupi Avati e Francesco Pugliese

La pianificazione coinvolgerà tutte le principali reti tv (con i formati 45 e 30 secondi) e l’online (con un formato da 60 secondi) a partire da domenica 17 dicembre per circa 3 settimane. Vizeum e Simple Agency sono le centrali media che se ne occupano.

Confermato intanto da Giuseppe Zuliani, Direttore Customer Marketing e Relazioni Esterne Conad, che nel 2017 – come dichiarato in chiusura dello scorso anno – l’investimento di Conad in comunicazione è stato di 37 milioni di euro. «Per il prossimo anno abbiamo stanziato un budget di 38 milioni, in crescita del 3%, continuando il trend di investimenti sostenuto nel corso degli ultimi anni. Crediamo in una strategia di comunicazione continuativa e capillare per questo siamo always on in pubblicità».

Del budget stanziato per questo anno di comunicazione, al digital è toccato circa il 12-13%, «ma per il 2018 vorremmo portare tale quota al 15%», segno che il digitale sta cominciando a convincere l’insegna.

Dichiarata intanto anche la strategia di comunicazione da Zuliani che sarà finalizzata a contribuire alla costruzione ancora più solida della marca Conad e a supportare la politica commerciale: «Il prossimo anno spingeremo su questi asset puntando maggiormente su due filoni portanti: “il buono del paese”, con Sapori e dintorni, e il Benessere con Verso Natura, il brand di consumo consapevole lanciato a fine 2016 e che oggi vanta oltre 200 referenze che coprono tutti i reparti e che ha generato a Conad circa 150 milioni di fatturato», ha spiegato ancora Pugliese, aggiungendo inoltre che a consuntivo (cioè a 12 mesi esatti dal completamento della distribuzione in tutti i punti vendita dei prodotti della linea Verso Natura) al brand dovrebbe arrivare a fatturare 250 milioni di euro.

Conad diventa una media company

Nel corso della conferenza di fine anno, ormai appuntamento annuale di Conad, Zuliani ha esplicitamente detto: «Conad è ormai una media company rilevante, non solo per le persone che va a raggiungere, ma anche per la qualità dei contenuti che siamo capaci di produrre». Rientra in questo l’operazione di acquisizione del sito di videoricette “Sapori e…” dalla Compagnia degli Chef, i cui contenuti andranno ad arricchire l’offerta di servizi offerti ai clienti Conad.

Tutto questo rientra nella strategia di comunicazione su cui Conad ha evidentemente lavorato, basata sulla Rilevanza di contenuti, marca e servizi offerti, sulla distribuzione di questi contenuti a livello multicanale con l’obiettivo di presidiare due importanti fattori critici di successo: tempo e target.

A questo scopo, a gennaio la catena rilancerà il proprio sito e rilascerà in primavera la propria app. Il digitale diventa dunque fondamentale anche nell’ottica di fidelizzare e far vivere un’esperienza sempre più completa ai propri clienti. A questo scopo, per la costruzione della strategia digitale, l’insegna ha chiesto la consulenza di PricewaterhouseCoopers.

L’anno di Conad e l’accordo con Enel

L’investimento in comunicazione di Conad lo scorso anno ha contribuito, insieme a una strategia di investimenti per accrescere copertura e funzionalità dei propri negozi, al raggiungimento di un risultato molto importante per l’insegna: Conad infatti chiude il chiude il 2017 con un giro d’affari di 13 miliardi di euro, 600 milioni in più rispetto all’anno scorso. L’incremento è stato del 5%, il doppio del mercato previsto in chiusura al 2,5% (fonte: Nielsen Trade*Mis – Stime Nielsen su dati AdEx).

La quota di mercato è salita al 12,1% (era il 9,5% nel 2006) e si rafforza la leadership nei supermercati, al 21% (12,7% nel 2006) (fonte: GNLC I° semestre 2017).

In crescita anche il patrimonio netto, passato a 2,4 miliardi di euro, 180 milioni in più rispetto al 2016. Il risultato è frutto degli investimenti nella rete di vendita e dell’andamento della marca del distributore.

«Conad è in grado di rispondere a ogni esigenza e modello di acquisto con 3.198 punti vendita frutto della razionalizzazione dei format e di un piano strategico di sviluppo che per il triennio 2017-2019 vede investimenti complessivi per 1.101 milioni di euro (413 al termine dell’anno in corso, 402 nel 2018 e 286 nel 2019, ndr)», ha spiegato Alberto Moretti, Direttore Marketing canali distributivi Conad. «Investimenti finalizzati a nuove aperture e ristrutturazioni, all’efficientamento energetico dei punti di vendita e dei magazzini, alla realizzazione di nuovi centri distributivi», aggiunge il manager.

L’anno, infine, si chiude con l’accordo tra Conad e Enel per la mobilità sostenibile. Per favorire la mobilità elettrica, le due realtà hanno stretto una partnership che prevede l’installazione, nell’area dei punti di vendita, di 250 colonnine di ricarica per auto ad alimentazione elettrica entro il primo semestre 2018.

Un incontro che si inserisce in un percorso che da tempo vede impegnata l’insegna in azioni a favore della sostenibilità e di quei cittadini che orientano le proprie scelte in tale direzione.

Engage nella tua e-mail. Gratis, ogni giorno

Engage La Prima
La nostra newsletter quotidiana, contenente le 10 notizie più impattanti della giornata, per rimanere sempre aggiornato sui trend del mercato.

Engage Mag
Il nostro magazine periodico, con focus e speciali di approfondimento, distribuito anche in forma cartacea ai principali eventi di settore.

Partner Messages
Messaggi periodici dai nostri partner. Se acconsenti alla ricezione di queste email, aiuterai Engage a mantenere i suoi canali fruibili gratuitamente, e, oltretutto, potresti trovare inviti e informazioni utili alla tua azienda.