E-commerce Trends

di C. Vaccaro e A. Coletta

Un blog curato a quattro mani da Claudio Vaccaro, co-fondatore e ceo della digital agency BizUp, e Angelo Coletta, fondatore e ceo di BookingShow e MerchandisingPlaza. Dall'incontro delle due aziende è nata la joint venture UpCommerce, l'e-commerce in full outsourcing multilingua

Content Strategy per eCommerce: perché anche i siti di shopping online dovrebbero averne una

Il contenuto è la ragione per cui il legame tra aziende e consumatori si instaura sempre meno con banner e inserzioni pubblicitarie e sempre più con articoli, white paper, video, infografiche, case studies, tutorial e report. Riconosciuti come veri e propri driver di traffico, lead e vendite, i contenuti assumono così un ruolo fondamentale nella strategia di digital marketing dei brand, qualunque sia il settore di business in cui operano. E più il contenuto è informativo, coinvolgente e immediato, più sarà imponente ed efficace l’impatto che avrà sulla sua audience.

Il post di oggi inaugura un ciclo di articoli dedicati all’importanza dei contenuti per un eCommerce e a come possono contribuire a rendere unica e coinvolgente l’esperienza di navigazione e acquisto degli utenti.

Ci piace pensare il contenuto come l’elisir di lunga vita di qualsiasi brand, personaggio o utente che abbia scelto il web come canale privilegiato per parlare al proprio pubblico, un mix di ingredienti dal sapore sempre diverso, capace di donare immortalità – o nuova vita – a un progetto.

Spesso, però, chi gestisce un eCommerce tende ad associare il concetto di Content Strategy e la sua utilità a una categoria di siti ben definita, a un preciso settore di business popolato da blogger e publisher di magazine online. Eppure posizionamento, traffico, visibilità, fidelizzazione, engagement, lead generation e vendite sono obiettivi dai quali i siti di shopping online, al pari dei siti di informazione, non possono prescindere.

E se è vero che uno degli ingredienti fondamentali del famoso elisir di lunga vita di un eCommerce è la fiducia di chi compra, quale modo più efficace dei contenuti per guadagnarla? E quale contesto migliore del proprio sito per ospitarli?

La maggior parte di quello che le persone sanno di un brand proviene da ciò che leggono online sul sito aziendale, su siti di settore o sui social network. Mentre nel caso degli owned media il brand ha un controllo del 100% sui contenuti prodotti, sugli altri canali l’opinione che gli utenti possono farsi del brand è influenzata (nel bene o nel male) dai contenuti che pubblica. Un po’ come accade per i film, i libri o i programmi tv, se i contenuti di un brand non catturano l’attenzione delle persone, se non trasmettono autorevolezza e affidabilità, se non sono informativi, utili, interessanti, ingaggianti e il passaparola che gli si crea intorno non è positivo, difficilmente riusciranno a giovare alla vendita dei vostri prodotti.

Ecco allora almeno tre buoni motivi per cui, se gestite un eCommerce, dovreste pensare alla progettazione di una strategia di produzione contenuti per incentivare le vendite:

  • Di solito, quando si gestisce un eCommerce, si tende a dare maggiore importanza alla grafica del sito, al numero e alla qualità delle immagini di prodotto. Ma cos’è che, assieme alla velocità di caricamento delle pagine, all’architettura del codice html e al numero di link in ingresso, determina il posizionamento di un sito sui motori di ricerca? I contenuti! Descrizioni di prodotto e testi di pagine di categoria ottimizzati, originali, dettagliati e accattivanti faranno risaltare il vostro sito non solo agli occhi di Google, ma anche a quelli dei visitatori.
  • Accompagnare i visitatori del sito verso la fine del funnel di vendita in maniera naturale e non forzata, ‘camminando al loro passo’ e nello stesso tempo dandogli l’impressione di non perdere mai il controllo sul processo d’acquisto. Un esempio? Per gli eCommerce di abbigliamento, suggerire agli utenti tramite immagini o contenuti interattivi un determinato tipo di outfit è un ottimo input per fare in modo che dalla ricerca del prodotto si muovano da soli verso l’ultima fase del processo d’acquisto.
  • Creare un senso di appartenenza intorno al negozio online, far sentire l’utente parte di una community che poi non vorrà più lasciare. Fornire descrizioni dettagliate sui prodotti, produrre articoli informativi e video tutorial, prevedere all’interno del sito una sezione per le domande e risposte, un forum di discussione, un box per i commenti e uno spazio per le recensioni dei prodotti sono tutte strategie volte a ridurre lo scetticismo dei visitatori verso il brand e i suoi prodotti in favore di un aumento della fiducia e del senso di appartenenza allo stesso.

Niente di buono, stabile e duraturo può nascere senza solide fondamenta. Pensate a un palazzo. Nel prossimo post di questa serie vedremo più nel dettaglio come costruire una Content Strategy efficace: dalla definizione degli obiettivi ai princìpi ispiratori che dovrebbero guidarvi nella realizzazione del piano editoriale. Alla prossima!