Marketing Technology

di Pasquale Borriello

Sposato, 3 figli. Amministratore Delegato Artattack Group, business developer per la startup Netnoc. Studi in filosofia, matematica e una specializzazione in marketing in Canada.

Per Natale regalatevi la marketing automation

Il Natale non è soltanto il momento dei regali, delle ferie e delle giornate in famiglia. Per un marketer, lo sappiamo, il Natale è il momento delle promozioni imperdibili, delle offerte dell’ultimo minuto e del massimo investimento media di una buona parte della aziende B2C o B2B. Se siamo d’accordo su questo, allora vi spiego perché il regalo perfetto per un marketer è la marketing automation.

La marketing automation sta rivoluzionando le strategie di marketing nella direzione dell’iper-personalizzazione dei contenuti e della customer-obsession. Ci permette di veicolare automaticamente contenuti adatti al singolo utente e reagire alle interazioni in modo intelligente. L’obiettivo è sempre quello di generare lead e convertirle nel modo più efficace ed efficiente possibile.

Torniamo al Natale: è il periodo dell’anno in cui dovremmo essere più attenti al livello del servizio, soprattutto online, perché gli utenti non perdonano errori e problemi. È il momento in cui Amazon potenzia il servizio clienti e regolarmente gli spedizionieri bucano le consegne. È quella la differenza tra un’azienda customer-obsessed e una che non lo è. Ma attenzione, non è soltanto questo, perché l’esperienza utente a Natale potrebbe fare un’enorme differenza l’anno prossimo.

Prendiamo ad esempio uno dei migliori prodotti in assoluto per la marketing automation, la piattaforma Hubspot: possiamo utilizzarla per creare dei funnel di conversione e dei sistemi di email marketing molto complessi e assolutamente individuali in modo eccezionalmente semplice.

hubspot-marketing-automation

Oppure ipotizziamo una piattaforma di eCommerce: grazie alla marketing automation possiamo ingaggiare il nostro utente in funzione della fase nel funnel di acquisto e massimizzare il numero di ordini (conversioni) e il valore medio dell’ordine (tramite upselling o remind di vario genere).

Ma non finisce qui, pensiamo a tutti i servizi di contatto e relazione con prospect e clienti: Newsletter, Magazine, Social. Questi canali sotto Natale sono letteralmente presi d’assalto dagli utenti che, avendo più tempo da passare a casa con il proprio smartphone, leggono e interagiscono di più. La soluzione potrebbe essere attivare dei presidi automatici con dei chatbot e affidare a sistemi intelligenti di email marketing una buona parte dei follow-up. Senza esagerare e fornendo sempre un canale di comunicazione umano e diretto.

E così, almeno a Natale, grazie alla marketing automation magari troveremo anche il modo di staccare un po’ da tutta questa tecnologia.