Mondo Native

di Alberto Mari

I "tips&tricks" di Alberto Mari, country manager di Outbrain Italia, per creare engagement e raggiungere nuovi utenti con il content marketing

7 cose da sapere sul Performance Marketing

Probabilmente hai già sentito parlare di Performance Marketing, ma cosa lo distingue veramente da qualsiasi altro tipo di marketing? Abbiamo parlato con Nir Elharar, autore di questo post su come lanciare una campagna di Performance e su quali sono i benefici che la differenziano da qualsiasi altra attività di marketing. Se invece sei già un esperto di performance marketing e vuoi incrementare le possibilità di raggiungere i tuoi KPI, ti consigliamo di consultare il nostro report su come i brand leader utilizzano la Discovery per ottimizzare le attività di Performance.

1. Si basa sull’ottimizzazione dei KPI nella parte bassa del funnel

Con altri tipologie di marketing, come ad esempio display advertising o awareness marketing, i KPI (Key Performance Indicators) potrebbero essere ad esempio il numero di impressioni o click, mentre per i marketer di performance i KPI principali sono la generazione di lead, registrazioni, conversioni e vendite.

2. Paghi solo per quello che ottieni

Invece di pagare in anticipo, come nel caso della pubblicità display, nel performance marketing pagherai solo per azione desiderata. Se una campagna non ha riportato i risultati prefissati, allora in questo caso il costo della stessa sarà molto basso. Questo è il motivo per cui i marketer di performance sono sempre alle prese con l’ottimizzazione e sperimentano costantemente cose nuove.

3. La cadenza dell’ottimizzazione è molto più veloce

Poiché il performance marketing è basato interamente su risultati misurabili, l’ottimizzazione avviene molto più velocemente. I marketer di performance non hanno tre, quattro o cinque settimane per ottenere risultati. Dovranno affinare il pubblico giusto e farlo in fretta. Tutto ciò è molto più pratico avendo a disposizione un ciclo costante di feedback e di dati, che permette di investire più risorse nelle strategie che funzionano di più, a discapito di quelle che sono meno performanti.

4. Conoscenza del ROI in tempo reale

Con altri tipi di pubblicità e azioni di marketing, misurare i risultati può essere difficile. Come fai a sapere se hai incrementato l’awareness di un brand? Come misuri la percezione che ha generato il tuo brand? Naturalmente ci sono dei modi per farlo, ma di solito si ottengono in un secondo momento e non sempre si tratta di dati affidabili. Con il performance marketing puoi ottenere un’istantanea del tuo ROI in un determinato momento: il costo per lead, per registrazione, per vendita.

5. I rischi per gli inserzionisti sono più bassi

Dato che paghi solo in base a ciò che ottieni, i rischi sono molto bassi e non avrai bisogno di investire un grosso quantitativo di budget per un annuncio pubblicitario. Ciò significa anche che le campagne possono essere lanciate più rapidamente, perché non ci sono processi di approvazione laboriosi. Come dice Elharar, “nella maggior parte delle forme tradizionali di pubblicità, l’inserzionista paga una commissione in anticipo per assicurarsi lo spazio pubblicitario, indipendentemente da quelli che saranno i risultati. Questo potrebbe significare centinaia e migliaia di euro spesi senza mai ottenere una conversione. Con il performance marketing, invece, gli inserzionisti pagano solo per le azioni portate a termine con successo”.

6. Funziona con budget grandi ma anche con quelli più ridotti

Il performance marketing non richiede un investimento enorme, ciò lo rende più accessibile alle aziende o brand più piccoli che sono solo agli inizi con la propria strategia di marketing. Vedere i risultati è un ottimo modo per convincere gli stakeholder ad investire e, con il performance marketing, vedrete i risultati mentre investite il vostro budget di marketing. È anche facile da modificare: incrementare una campagna può essere semplice e veloce.

7. È uno spazio innovativo

I marketer di performance sono sempre alla ricerca di nuovi modi per raggiungere “il pubblico giusto al momento giusto”, come afferma Elharar. Il panorama attuale che è in continua e rapida evoluzione, porta i marketer di performance a cercare di ottimizzare le attività di marketing in base alle nuove piattaforme sociali, applicazioni per il mobile, chatbots e altro ancora.