TheOutplay: a giugno il lancio della nuova piattaforma Content Exchange

Novità di prodotto e crescita internazionale per la società specializzata in video adv online guidata da Andrea Pezzi che, con la holding Gagoo, punta a un fatturato 2016 di 16 milioni di euro

di Teresa Nappi
14 aprile 2016
Andrea-Pezzi-Gagoo-TheOutplay
Andrea Pezzi

Dopo aver archiviato un 2015 ricco di novità, tra cui si ricordano gli accordi siglati con Reuters, TheTelegraph, National Geographic, ITN, Videoelephant e RAI, l’avvio dell’attività in Danimarca (dopo Italia e Uk) e l’ingresso di nuovi investitori nella holding a cui fa capo (tra questi Davide Serra, Founder e Ceo di Algebris Investments), TheOutplay si prepara ad annunciare altri importanti aggiornamenti. A confermarlo è Andrea Pezzi, Fondatore e Ceo del Content and Audience Exchenge e della holding, a cui TheOutplay fa capo, Gagoo Group.

Andrea, abbiamo riassunto le tappe più importanti degli ultimi mesi per TheOutplay. Ci sono altre news da segnalare? In generale, come procede la crescita di TheOutplay a livello locale e internazionale?

Le novità che citi appartengono tutte al 2015, sono già dati di “archivio” considerando la velocità con cui cresciamo. Una precisazione su Davide Serra: ha investito nella holding di TheOutplay, Gagoo che detiene anche il 100% di Myntelligence e di due attività digitali prossime al lancio che non vedo l’ora di raccontarvi. Il 2016 porterà molte novità. In primis il lancio previsto per giugno della nuova release della piattaforma di Content Exchange che consentirà di mettere in contatto i publisher e gli advertiser attraverso i video in un modo del tutto nuovo e totalmente disruptive. Inoltre, dopo il consolidamento di OVO.com che sta dando risultati di traffico sempre più importanti, abbiamo avuto il lancio di Goalscout.com: un sito e un’app interamente dedicati a chi ha fame dei migliori video di calcio. Noi ci divertiamo a chiamarla lo “YouPorn” del calcio, anche se mi suggeriscono sempre che non dovrei dirlo… Goalscout.com è il primo e unico archivio video della Serie A con le immagini ufficiali e in alta definizione. Inoltre, stiamo trattando i diritti dei principali campionati europei. In generale, posso dire che la crescita di TheOutplay nei vari Paesi segna un +300% rispetto allo stesso quarter del 2015, sia in termini di qualità degli accordi, sia per volumi di business fatturato. Questo conferma la bontà della strada intrapresa un anno fa, quando abbiamo messo in cantiere la rivisitazione della piattaforma e del nostro modello di business sul mercato.

Quali sono le novità di prodotto più recenti che avete introdotto o che vi apprestate a lanciare?

Sono veramente tantissime. Solo il product team è cresciuto di 3 volte negli ultimi 6 mesi e gli investimenti in questo ambito sono stati molti. La piattaforma di Content Exchange in release a giugno è un vero gioiello: immaginate di mettere insieme un Content Management System, un Ad-Server, una SSP e un sistema di Ad Analytics, il tutto segnato da una user experience semplicemente fantastica. Il Content Exchange segnerà decisamente uno spartiacque tra quello che sono state fino a oggi le piattaforme Ad Tech di video advertising e quelle di domani.

Però hai parlato di “tantissime novità”. Cosa puoi anticiparci ancora?

In questo momento il nostro focus di sviluppo è orientato alle nuove tecnologie di ad-stitching per combattere il fenomeno degli ad-blocker, all’erogazione dei video e dell’Adv su Player di terze parti e alla full-stack integration con tutte le SSP e DSP del mercato. Il Content Exchange consentirà a tutti, advertiser, publisher, content owner, di gestire la propria strategia video in totale autonomia. I content owner potranno monetizzare i propri video, i publisher e le concessionarie potranno accedere a migliaia di video premium quality e gestire le proprie campagne customizzando i players (e i widgets), per adattarli alle proprie pagine e, infine, i centri media e gli advertisers potranno accedervi per acquistare inventory scegliendo i siti e i contenuti video su cui erogare le proprie campagne, ottenendo forti economie di scala e un risparmio fino al 50%. Oltre alle innovazioni tecnologiche, abbiamo anche introdotto nuovi modelli commerciali: Content4Ad e Ad4Content, che consentono agli advertiser di diventare content owner semplicemente acquistando advertising con TheOutplay e ottenendo una linea di ricavi ogni volta che altri advertiser usano i loro video per i propri pre-roll. Fanno leva sul modello revenue share della piattaforma e sulla nostra capacità di produzione e aggregazione di contenuti video premium. Per i centri media, invece, abbiamo iniziato a offrire un servizio in Managed Service delle loro operations di prodotto video fornendo tecnologia e supporto alla gestione dei loro clienti.

Intanto, internet diventa sempre più mobile. L’offerta di TheOutplay come si adatta a un panorama digitale sempre più multi-device?

Noi nasciamo multi-device, da anni ogni nostra innovazione tecnologica è fatta sempre e solo in questa ottica. Basti pensare che alcuni dei nostri publisher partner, soprattutto in paesi come la Danimarca e l’Inghilterra, hanno un traffico mobile che arriva quasi al 90% rispetto al traffico totale. E tutta l’Europa tenderà a questo dato nei prossimi 5 anni. I nostri widget sono pensati per funzionare su tutti i siti e per le applicazioni dei nostri Publisher partners in modalità multi-device. Garantiamo una perfetta erogazione anche in ambiente iOS con una tecnologia cutting-edge che non attiva il full screen del player nativo di Apple, offrendo all’utente un’esperienza di fruizione video persino migliore di quella offerta dal wall di Facebook.

Quali sono stati i risultati 2015 del gruppo, e avete posto degli obiettivi per quest’anno?

Il 2015 chiude con un turn over di gruppo di oltre 8 milioni. A oggi abbiamo già assicurato un fatturato per l’anno 2016 di 12 milioni, ma contiamo di avvicinarci a un fatturato totale di gruppo di 16. Confido molto in quello che accadrà a TheOutplay nel 2016, è un anno che per noi fa davvero la differenza.

Engage nella tua e-mail. Gratis, ogni giorno

Engage La Prima
La nostra newsletter quotidiana, contenente le 10 notizie più impattanti della giornata, per rimanere sempre aggiornato sui trend del mercato.

Engage Mag
Il nostro magazine periodico, con focus e speciali di approfondimento, distribuito anche in forma cartacea ai principali eventi di settore.

Partner Messages
Messaggi periodici dai nostri partner. Se acconsenti alla ricezione di queste email, aiuterai Engage a mantenere i suoi canali fruibili gratuitamente, e, oltretutto, potresti trovare inviti e informazioni utili alla tua azienda.