Dalla fusione di MEC e Maxus nascerà Wavemaker

GroupM, la holding media di WPP Group, ha rivelato oggi il brand della “nuova agenzia di media, contenuti e tecnologia”

di Andrea Salvadori
06 settembre 2017
wavemaker-logo

Si chiamerà Wavemaker la società che nascerà dall’annunciata fusione di MEC e Maxus. GroupM, la holding media di WPP Group, ha rivelato oggi il brand della “nuova agenzia di media, contenuti e tecnologia”, come è definita nella nota stampa. Il processo di fusione e di costituzione della neonata realtà dovrebbe concludersi a inizio 2018.

Tim Castree-mec-groupm
Tim Castree, globale Ceo di Mec e di Wavemaker

La neonata realtà potrà contare su amministrato globale di 28 miliardi di dollari, su uffici in 90 paesi con più di 8.500 dipendenti, di cui 8.500 esperti in digital, 2.900 nella produzione di contenuti, 400 nella gestione dei dati e 200 nella gestione di piattaforme tecnologiche.

Per quanto riguarda l’Italia, novità sull’assetto organizzativo e sui vertici della nuova società saranno rese note la prossima settimana. Alla guida di MEC siede, in qualità di ceo, Luca Vergani, mentre il ceo di Maxus è Gianluigi Pezzi.

Wavemaker è tra l’altro un brand già presente all’interno di GroupM. E’ infatti la divisione per la produzione di contenuti lanciata da MEC nel 2016 a livello internazionale, arrivata in Italia alla fine dello stesso anno. GroupM ha deciso di utilizzare il nome Wavemaker alla luce del successo ottenuto in breve tempo dalla divisione sul mercato. La divisione resterà in vita e assumerà il nome di Wavemaker Content.

GroupM ha dunque definito la rosa delle sue centrali media operative sul mercato: Mindshare, Mediacom, Wavemaker ed Essence. Quest’ultima è un’agenzia digital first di Chicago acquisita da WPP fine 2015 e di cui il gruppo ha annunciato a inizio anno lo sviluppo a livello internazionale, partendo da sei mercati, nonché l’ampliamento della sua area di business ai media tradizionali.

“I grandi risultati si ottengono quando media, contenuti e tecnologia si integrano consentendoci di raggiungere una conoscenza del processo d’acquisto senza paragoni, competenza che mettiamo al servizio dei nostri clienti”, si legge nella nota di GroupM. Il brand Wavemaker riflette le radici dell’agenzia, nata da WPP e GroupM e racchiude tutto ciò che vogliamo sia in grado di offrire: garantire ai clienti la leadership nell’affrontare la trasformazione”.

Tim Castree, global Ceo di MEC dallo scorso novembre (qui l’articolo sulla nomina) e ora anche Ceo di Wavemaker, ha dichiarato: “Il nostro obiettivo è dare l’opportunità ai clienti di trasformare e accrescere il loro business, grazie alla nostra ossessione per il processo d’acquisto e soprattutto grazie all’integrazione di insight e dati con [m]Platform, la piattaforma proprietaria globale di audience technology di GroupM. Il brand e il posizionamento di Wavemaker sono una chiara manifestazione di questo intento”.

Kelly Clark, global Ceo di GroupM, ha aggiunto: “Wavemaker è una agenzia globale con una potente proposition per i clienti. Tim e la sua squadra hanno il più totale supporto di GroupM in termini di risorse, volumi e competenze”.

Il brand e la sua nuova visual identity saranno svelati a livello locale non appena la fusione sarà completata in ogni paese, a partire dal mese di gennaio 2018.

Engage nella tua e-mail. Gratis, ogni giorno

Engage La Prima
La nostra newsletter quotidiana, contenente le 10 notizie più impattanti della giornata, per rimanere sempre aggiornato sui trend del mercato.

Engage Mag
Il nostro magazine periodico, con focus e speciali di approfondimento, distribuito anche in forma cartacea ai principali eventi di settore.

Partner Messages
Messaggi periodici dai nostri partner. Se acconsenti alla ricezione di queste email, aiuterai Engage a mantenere i suoi canali fruibili gratuitamente, e, oltretutto, potresti trovare inviti e informazioni utili alla tua azienda.