Hallelujah punta a un raddoppio del fatturato per il 2017

Tra gli obiettivi dell’agenzia anche un allargamento della base clienti e del team interno. Oggi in scena l’evento Innovation Calling nei nuovi uffici di Hallelujah ed Enfants Terribles. Franco: «Momento di incontro e di formazione sui tech trend che replicheremo»

di Teresa Nappi
18 maggio 2017
Valerio-Franco-Hallelujah-Enfant-Terribles
Valerio Franco

In occasione dell’Innovation Calling, evento che raggruppa 3 talks tematici focalizzati sulla comprensione del futuro prossimo della comunicazione, nei nuovi uffici di Enfants Terribles e Hallelujah, Engage ha incontrato Valerio Franco, Fondatore e Chief Innovation Officer di Hallelujah e Partner & Strategy Director di Enfants Terribles.

Al manager abbiamo chiesto come mai la scelta di farsi promotori di questo evento: «Si tratta di un’iniziativa pensata per creare un vero momento di incontro tra le agenzie che trovano casa in questo ufficio e le aziende. Un momento informale per confrontarsi, motivo per cui abbiamo deciso di non porci come insegnanti, ma partecipiamo con loro tra il pubblico. Ci mettiamo sul loro stesso piano chiedendo a professionisti terzi di descriverci i tech trend del momento su cui ci confrontiamo poi in modo paritario. È, inoltre un’importante momento di formazione da cui tutti possono trarre vantaggio, perché di formazione c’è ancora e sempre bisogno soprattutto in ambito digitale».

Il primo intervento di Innovation Calling ha introdotto e approfondito il mondo dei Chatbot e delle tecnologie alla base del loro sviluppo. In “cattedra” abbiamo visto salire Giuseppe Gramazio, Head of Web, Mobile & Wearable Practice del Cefriel-Politecnico di Milano.

Il secondo workshop, intitolato Trend Briefings, ha fotografato la realtà internazionale della comunicazione grazie a un’ospite arrivata direttamente da Londra: Katrina Dodd, Senior Consultant e di Contagious Communications. In questo talk si sono osservate tendenze interessanti, come per esempio il Machine Learning, l’Humanised Computing e la Realtà Virtuale, Aumentata e Mista.

L’ultimo talk si è infine concentrato sul Persuasive Design, partendo dalle teorie e dalle tecniche del Neuromarketing, ovvero la disciplina che indaga i processi della mente e aiuta a sviluppare strategie che facilitano l’azione di acquisto. In questo caso a fare da tutor sono state Lorena Delvino e Raffaella Calligher di SR Labs.

Al termine del seminario è stata poi allestita una prova della tecnologia Eye-Tracking.

«L’incontro è stato interessante e stimolante e prevediamo di replicare questo tipo di evento in futuro, con una frequenza di un paio di volte all’anno», dichiara Franco.

Il 2017 di Hallelujah e di Enfants Terribles

L’occasione è stata propizia per chiedere al manager quali risultati stanno registrando le due agenzie: «C’è vivacità intorno ad Hallelujah, in effetti ancora in fase di start-up. Stiamo partecipando a diverse gare e siamo proiettati verso una crescita importante, in termini di fatturato, base clienti e team interno», dichiara Valerio Franco.

«Puntiamo a un raddoppio del fatturato rispetto al 2016, a nuovi inserimenti e soprattutto ad acquisire nuovi clienti, per dare stabilità a una realtà fortemente orientata al digitale nata un anno e mezzo fa».

Sul fronte Enfants Terribles, invece, Franco dichiara: «Siamo davanti a una realtà più strutturata, da 21 anni sul mercato. L’anno anche in questo caso è cominciato bene, ma ovviamente ci aspettiamo una crescita per il 2017 più contenuta rispetto a quella che prevediamo per Hallelujah. La forza di questa struttura sta nel suo grande valore consulenziale e nella grande flessibilità e adattabilità», spiega il manager.

In conclusione, il manager dice: «Siamo due agenzie diverse, ma complementari. Ci completiamo e sosteniamo. Di fatto, Hallelujah è nata come costola di Enfants Terribles, ed ora sotto un nuovo e unico tetto puntiamo a sinergie forti con la creatività al centro».

Engage nella tua e-mail. Gratis, ogni giorno